sabato 7 gennaio 2017

Home







    Events





    Novembre 2018: I cento anni di Mario Fiorentini

    -- Un articolo de "La Lettura" del Corriere della Sera: "Il Matematico Partigiano" (link) 

    -- Un'intervista al Messaggero  (riportata sotto)


    Via Rasella, i 100 anni di Mario Fiorentini: «Ecco che cosa salvo di Mussolini»



    Sabato 3 Novembre 2018 di Lorenzo De Cicco e Elena Panarella

    In via Rasella, ci racconta, da bambino faceva incetta di libri e lì, un giorno, con cinque lire si portò a casa i teoremi di Euclide, «l’opera che mi ha spalancato una finestra sulla bellezza della matematica, la passione di una vita». Una vita, dice Mario Fiorentini, cento anni il 7 novembre (sarà celebrato alla Casa della Memoria e prima, domenica, a via Tasso), spaccata in due. Nella prima, l’orrore della guerra, la resistenza, il carcere da gappista, le fughe e la clandestinità. La seconda, invece, è la vita dello scienziato con pubblicazioni in tutto il mondo, dal Canada al Giappone, «l’unico professore di matematica autodidatta, perché non l’ho mica studiata all’università, ero impegnato su altri fronti, diciamo...». Il trait d’union da una vita all’altra – e in realtà sono molte più di due, basta pensare all’ingaggio nei servizi segreti americani, alle frequentazioni da Vittorio Gassman a Mario Landi, all’amicizia con Ho Chi Minh... – il trait d’union, si diceva, è stata lei, Lucia Ottobrini, profuga alsaziana che sarà sua compagna di lotte e nella vita. «Vi svelo un segreto: se la conobbi, per certi versi, è stato anche grazie al fascismo...»



    Davvero? Ci spieghi meglio...
    «Il regime pretendeva che le bande dei carabinieri, della finanza o della polizia, allestissero dei concerti in piazza. E in uno di questi ho visto Lucia per la prima volta...»

    Amore a prima vista?
    «Di più, una fiammata che in 70 anni non si è mai smorzata, anche per lei, che fino all’ultimo (se ne è andata tre anni fa, ndr) ha pensato a me».

    Lei abita ancora a due passi da via Rasella. Per tutti, questa strada, è quella dell’attacco ai tedeschi del 23 marzo 1944, trentatré soldati del Reich uccisi durante l’occupazione nazista di Roma. Il giorno dopo, per rappresaglia, il rastrellamento e la strage delle Fosse ardeatine. Lei è considerato l’ideatore di quell’attacco, ma non ha mai voluto chiamarlo attentato. Perché?
    «In realtà io avrei voluto farlo in un’altra zona, non a via Rasella, forse le cose sarebbero andate diversamente. Né io né Lucia vi prendemmo parte direttamente. Io perché abitavo da quelle parti, lei perché era a letto con la febbre. In ogni caso, è giusto dire che fu un atto di guerra contro gli occupanti di Roma. Non un attentato. Ci furono diverse azioni, prima: l’attacco al carcere di Regina Coeli, alla caserma di viale Giulio Cesare, in via Tomacelli. Era una battaglia e via Rasella, dal punto di vista militare, fu un’azione ben studiata, senza perdite, per noi».

    Non potevate immaginarne le conseguenze?
    «No, prima di allora a nessuna delle azioni del Gap (Gruppi di Azione Patriottica, ndr) messe a segno a Roma era stata seguita da una rappresaglia. Pensi che il giorno dopo, il pomeriggio del 24, ci riunimmo con gli altri per parlare di possibili nuove azioni. Abbiamo saputo del rastrellamento solo a fatto compiuto».

    Si è tanto discusso, in questi anni, dei presunti manifesti che i tedeschi avrebbero affisso in città perché vi consegnaste, per evitare quell’orrenda rappresaglia. Nessuno si consegnò.
    «Quei manifesti non sono mai esistiti. Il rastrellamento per le Fosse ardeatine, del resto, è iniziato 24 ore dopo il nostro attacco. Anche Kesserling ha ammesso che non era stato dato alcun preavviso. Dirò di più: in ogni caso, anche se qualcuno li avesse messi, quei manifesti, sarebbe stato peggio. Perché si sarebbero consegnati a centinaia, pur di non farci prendere».

    Cosa prova, oggi, quando passa a via Rasella? Rimorsi per le conseguenze per la tragedia delle Fosse ardeatine? In fondo è a due passi da qui, dalla casa dove abita con sua figlia Claudia e suo nipote.
    «Non ci passo, scelgo altre strade. Ma la mia vita è sempre stata in questo pezzo di Roma. Sono nato in via della Purificazione, il 7 novembre 1918».

    Dopo la Resistenza, la chiamavano l’uomo dei quattro nomi. Perché?
    «Giovanni, come l’apostolo, Gandhi, per la magrezza, Fringuello, perché una volta atterrai col paracadute, Dino, come mi chiamavano in Piemonte. Ho dovuto cambiare spesso identità. Era una vita in clandestinità. Ricordo che durante la guerra partigiana parlavo di nascosto coi tipografi del vostro giornale, il Messaggero. A volte mi rifugiavo al Quirinale. Mi hanno anche preso. Quattro volte sono riuscito a evadere dal carcere, la più terribile è stata in Valtellina, le brigate nere...».

    Guardando alla scena politica attuale, c’è chi, soprattutto a sinistra, agita la minaccia di un ‘fascismo di ritorno’, altri invece sostengono che siano situazioni imparagonabili. Che idea si è fatto?
    «Ve lo dico io che sono il partigiano più decorato d’Italia. Sono infastidito quando si parla di fascismo e di antifascismo. Basta. Le brutture del fascismo sono evidenti, stanno lì. Ma parlarne a sproposito nuoce all’antifascismo. Oggi posso dire che andrebbe separato dall’uomo Mussolini, che come tutte le persone ha fatto del bene e del male».

    Fa specie sentirlo dire da lei...
    «Guardate, io credo che Mussolini abbia commesso un atto che è stato uno dei più coraggiosi della lotta contro Hitler. Quando i nazisti invasero l’Austria e uccisero Dollfuss, Mussolini spedì le truppe al Brennero per fermare la Germania ed evitare che occupassero l’Austria. È stato un atto coraggiosissimo, che andava premiato. Ma francesi e inglesi non l’hanno appoggiato, alla fine si è ritrovato isolato. Se non si fosse alleato con la Germania e avesse continuato a tirare su palazzi sulla Colombo, forse le cose sarebbero andate diversamente. Io, che sono stato amico di Ho Chi Minh, ho rischiato anche la vita per consegnare Mussolini vivo agli alleati».

    Non doveva morire?
    «No, non l’ho mai pensato, quell’esposizione a piazzale Loreto è stata barbara e incivile. Io all’epoca ero un maggiore dell’esercito americano, lavoravo per l’Office of Strategic Service. Mi mandarono l’ordine di prenderlo vivo e consegnarlo a loro. E io partii per portare a termine la missione. Ho rischiato la vita, ho dovuto affrontare difficoltà enormi. Sappiamo tutti come è andata a finire».

    È stato un comunista atipico.
    «Ho anche litigato – ma litigato sul serio – con Giorgio Amendola e Sandro Pertini. Più che atipico, sono stato un comunista indipendente».

    Suo nipote, che ci ha aperto la porta, dice che vota Salvini. È un segno dei tempi?
    «Ma non gli date troppa retta, a lui...». Lo indica, e sorride.


    _____________________________________________________________________________


    In memory of
    Michel Raynaud (1938-2018) 
    March 10, 2018


    Raynaud, a French mathematician whose work had a profound influence on algebraic geometry, died March 10 at the age of 79. Among his notable results were a proof of the Manin-Mumford conjecture and of the Abhyankar conjecture for the affine line. Raynaud was an invited speaker at the International Congress of Mathematicians in 1970. He was a member of the French Academy of Sciences, received its Ampère Prize in 1987, and received the 1995 Cole Prize in Algebra with David Harbater for their work proving the Abhyankar conjecture. Raynaud received his PhD from University of Paris XI in 1968 under the direction of Alexander Grothendieck. His wife, Michèle, is a mathematician as well, and also earned her PhD under Grothendieck's direction. See more about Michel Raynaud's work on his Wikipedia page.

    ________________________________________________________________________




     ◊     New!    
    AMS Meeting
    Spring Central and Western Joint Sectional Meeting
    University of Hawaii at Manoa, Honolulu, HI
    March 22-24, 2019 (Friday - Sunday)
    Special Session on Factorization and Arithmetic Properties of Integral Domains and Monoids 
    Scott Chapman, Sam Houston State University scott.chapman@shsu.edu
    Jim Coykendall, Clemson University
    Christopher O'Neill, University California, Davis


         ◊     New!  
    Second International Meeting in Commutative Algebra and Related Areas (SIMCARA),
    21th - 26th July 2019
    ICMC-USP, São Carlos - Brazil
    A conference to celebrate
    Prof. Roger and Profª. Sylvia Wiegand 150th Birthday






         ◊     New!  

    -- Organizers:
    Evan Houston, University of North Carolina, Charlotte
    Alan Loper, Ohio State University



    ◊        Past !    


      Conference on Rings and Factorizations
      February 19 - 23, 2018
      Institute of Mathematics and Scientific Computing at the University of Graz in Graz, Austria 
    -- Scientific Advisory Board:
    Gyu Whan Chang (Incheon National University, Korea), Alberto Facchini (University of Padova, Italy), Marco Fontana (Roma Tre University, Italy), Sophie Frisch (Graz University of Technology, Austria),
    K. Alan Loper (Ohio State University, USA).
    -- Organizers: 
    Alfred Geroldinger, Jun Seok Oh, Salvatore Tringali, and Qinghai Zhong.




      ◊        Past !    
      Conference on the occasion of Marco Fontana's retirement 













      ◊        Past !                                                          
      The Third Pohang International Conference on Commutative Rings and Algebras
      June 5-10, 2017,  Place: Gyeongju, South Korea
      Organizing Committee:
      -       Byung Gyun Kang (POSTECH, South Korea)
      -       Jung Wook Lim (Kyungpook National University, South Korea)
      -       Phan Thanh Toan (POSTECH, South Korea)






      ◊        Past !    

      AMS-Fall Southeastern Sectional Meeting, North Carolina State University, Raleigh, NC  November 12-13, 2016 
      Special Session on Commutative Ring Theory (in honor of Jay Shapiro's  retirement) 
      Organizers: Neil Epstein, George Mason University
      Alan Loper, Ohio State University




      ◊        Past !    
         
      Scientific day dedicated to LUIGI SALCE (on the occasion of his retirement)







      ◊       Past !   


                                                       




























        ◊       Past !   




                ◊       Past !    
                  ◊       Past !    

                  ICGA 2015 - International Conference on Groups and Algebras
                  July 19-21, 2015 - Shanghai





                                                                    
                  rrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr



                  ◊       Past !    





                                                                      
                    rrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr


                    rrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

                    ◊       Past !    
                    Arithmetic and Ideal Theory of Rings and Semigroups

                    with a one-day special session dedicated to

                    Franz Halter-Koch 
                    on the occasion of his 70th birthday 
                    Graz, September 22 - 26 2014
                    Organizers: Alfred Geroldinger, Florian Kainrath, Andreas Reinhart, and Daniel Smertnig
                    Scientific Advisory Board: S. Chapman, M. Fontana, S. Frisch, and B. Olberding


                                                                        
                      rrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr


                                                  
                                                                                                                                                                               previous events  




                      Math Journals Links



                         ❋    member of the Editorial Board  (>>  go to the journal's info for paper submission)    


                      Math Links






                      Engines for free scientific publications